I video della settimana di Francesco Perciballi

Martin Scorsese contro Avengers

“I film Marvel non sono cinema.” Martin Scorsese.

È di qualche giorno fa la polemica nata da Martin Scorsese, che si getta contro i cinecomics Marvel. Secondo lui non sono cinema, sono qualcosa di più vicino ad un parco a tema, in quanto il cinema è veicolo di emozioni.
Tema complesso, che ha portato sicuramente attenzione su di lui e sul suo prossimo film in uscita, “The Irishman”. Non sono tardate le risposte, secondo Samuel L. Jackson, parafrasando: “è come dire che Bugs Bunny non faccia ridere, nemmeno i suoi film piacciono a tutti”; anche Robert Downey Jr. ha risposto, in modo assai più democristiano, dicendo che “ehy, è sempre Martin Scorsese e apprezzo il suo punto di vista”.

È una di quelle situazioni dove un po’ tutti hanno ragione, inutile schierarsi, serve a far parlare di sé.
Quello che mi interessa sottolineare, però, è come sia difficile per un regista old school come l’italoamericano accettare che il mondo possa cambiare, e quindi anche il cinema possa cambiare. Accettare che nella moderna società un mega polpettone di effetti speciali adeguatamente pompato dal marketing possa occupare il gradino più alto della storia degli incassi del cinema, lasciando molto indietro pellicole-capolavoro, come sicuramente alcune delle sue.
È giusto? È sbagliato?

Secondo me dobbiamo smetterla di ragionare in termini così binari, ed abbracciare una realtà più complessa.
Avengers ha semplicemente dimostrato che una produzione cinematografica deve abbracciare al meglio moltissimi settori anche esterni dal film stesso, per garantirsi le vendite ed il successo.

…e a chi mi dice che è “troppo commerciale”, rispondo: “Scorsese dubito lo faccia per beneficenza”. Quindi, non prendiamoci in giro.
E, per tornare ai parchi a tema, cosa sono se non spettacoli di teatro itinerante? Ed il teatro non è la radice del cinema?
Sfruttiamo questa occasione per evitare inutili schieramenti, riguardare qualche film di Scorsese e non dimentichiamo la svolta che Avengers ha dato all’industria cinematografica dei blockbuster, avvicinandola sempre di più a quella ludica e videoluduca.

Francesco Perciballi

Ha iniziato la carriera artistica nel 2000 come attore e organizzatore di spettacoli teatrali. Ha girato l’Italia con spettacoli di propria produzione nell’ambito della ricostruzione storica del teatro pagano medievale italiano. Passa poi al cinema come producer, dove ha all’attivo diversi documentari, nazionali ed internazionali, e film regolarmente distribuiti anche a livello internazionale. È anche autore di soggetti e script supervisor. Fuori dal cinema è maestro d'armi, presidente federale sportivo, ha svolto ruoli di docente di italiano in scuole private e ha seguito diversi progetti imprenditoriali. Attualmente si occupa della piattaforma di investimenti per il cinema TIXTER ( www.tixter.video ).

Commenti

Clicca qui per commentare

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.